fbpx
Sanremofonte: immagine tratta da RaiPlay

Il Festival di Sanremo, il più importante festival della canzone italiana, è finalmente iniziato. Una delle kermesse musicali più importanti e conosciuta, in Europa e nel mondo intero. E questa edizione, piuttosto particolare, caratterizzata, ad esempio, dalla totale assenza di pubblico in platea a causa dei pericoli derivati dal Covid, è salita alla ribalta anche per la presenza di un volto noto del panorama calcistico internazionale. L’attaccante del Milan, Zlatan Ibrahimovic, infatti, ieri sera ha debuttato sul palco dell’Ariston come ospite d’eccezione del 71° Festival di Sanremo. E anche se la sua presenza, almeno inizialmente, seppur simpatica, è sembrata, per certi versi, anche un po’ forzata, ha contribuito comunque a sottolineare, ancora una volta, la stretta connessione tra la musica ed il calcio.

In tal senso, quindi, nel corso di questa settimana, inauguriamo “Il Sanremo Quotidiano“: una mini rubrica, che andrà ad analizzare, conoscere, visualizzare e, perchè no, cantare nuovamente a squarciagola, alcuni brani, del presente e del passato, legati allo sport più bello del mondo.

Da oggi fino al giorno della finale di Sanremo, dunque, vi presenteremo, quotidianamente, tre canzoni da noi scelte, che confermano, in un modo o in un altro, lo stretto connubio tra la musica ed il calcio:

Superclassico (Ernia)

Però mi si ferma il battito
Quando ti incontro per strada sembra un derby di coppa
Noi siamo Superclassico

Superclassico di Ernia è una canzone che parla dell’inizio, dell’evoluzione e della conclusione di una storia d’amore. Nel ritornello, Ernia racconta che quando incontra per strada la sua ormai ex fidanzata, c’è una sorta di tensione tale tra i due, che è paragonabile ad un “Superclassico”, cioè il derby cittadino giocato tra il River Plate e il Boca Juniors, le due maggior squadre calcistiche di Buenos Aires. Successivamente, il “derby di coppa”, si riferisce, invece, ai due derby tra Milan e Inter, in Champions League nel 2003 e nel 2005.

 

Una vita da mediano (Ligabue)

Una vita da mediano
A recuperar palloni
Nato senza i piedi buoni
Lavorare sui polmoni
Una vita da mediano
Con dei compiti precisi
A coprire certe zone
A giocare generosi

Una vita da mediano è una canzone di Ligabue del 1999. Il mediano è il centrocampista centrale che agisce nelle retrovie. Deve essere allo stesso tempo bravo a difendere e a far ripartire la squadra. E per questo motivo, nonostante la poca appariscenza, è considerato, a ragion veduta, un ruolo importante e delicato. Il cantante, con questa canzone, intende fare un gradissimo paragone con la vita, sottolineando, per l’appunto, la fatica ed il sudore che la caratterizzano. Quella di Ligabue è, senza alcun dubbio, una delle canzoni italiane più famose che parlano di calcio.

 

La Dura legge del goal (883)

È la dura legge del gol
Fai un gran bel gioco però
Se non hai difesa gli altri segnano
E poi vincono
Loro stanno chiusi ma
Alla prima opportunità
Salgon subito e la buttan dentro a noi
La buttan dentro a noi

La dura legge del goal è un brano di Max Pezzali e dei suoi 883, inciso nel 1997. Anche in questa occasione il calcio viene preso come metafora, per parlare, nello specifico, dell’amicizia, che è il soggetto principale di questa canzone. Il testo è un continuo riflettere sui valori dell’amicizia e di quanto la stessa, con il tempo e con gli episodi della vita, possa rivelarsi incredibilmente vera o tristemente falsa.

a cura di Francesco Rosati