fbpx

Marcelo Vieira da Silva Junior, noto semplicemente come Marcelo, lo scorso 30 aprile è entrato definitivamente nella storia del Real Madrid e lo ha fatto con un record che durava da ben 51 anni, detenuto dallo spagnolo Francisco Gento.

Con lo scudetto matematicamente vinto dai blancos grazie ai 3 punti ottenuti con la vittoria sull’Espanyol per 4-0, la stessa vittoria peraltro che ha permesso a Carlo Ancelotti di diventare l’unico allenatore a vincere il massimo trofeo nazionale nei 5 campionati europei più prestigiosi, Marcelo è divenuto il giocatore del Real più vincente di sempre, con ben 24 titoli indossando la camiseta blanca, superando appunto Gento fermo a 23.

“Ho appena battuto una leggenda del Real Madrid, Don Paco Gento; sono il giocatore con più titoli nella storia del Real Madrid… Tutto questo non ha prezzo”.

Al Real dal 2007, il difensore brasiliano, ha collezionato complessivamente in bacheca 6 Scudetti, 5 Supercoppe di Spagna, 2 Coppe di Spagna, 4 Champions League, 3 Supercoppe UEFA e 4 Mondiali per club. Un palmarès straordinario che farebbe invidia a chiunque e lo stesso Marcelo è consapevole dell’impresa ottenuta.

È una felicità enorme, volevo vincere la Liga il prima possibile e sono contento. Questa Liga è tutto lavoro, sacrificio, allegria, molte cose. Contano tutti i fattori e l’abbiamo vinta con anticipo. Il mio ultimo titolo al Real? Non lo so, ma lo festeggeremo tantissimo. È bellissimo vincerlo in casa, dopo tanti anni, questa squadra lo ha meritato. Ora festeggeremo ma sappiamo che c’è una partita importante, continueremo a lavorare”.

Il chiaro riferimento del talento brasiliano alla prossima partita importante da giocare, dimostra la determinazione e la professionalità di un fuoriclasse che è focalizzato sul suo prossimo obiettivo, il ritorno di semifinale di Champions contro il Manchester City, un appuntamento che i blancos non vogliono fallire.

Marcelo vuole continuare a vincere con la sua squadra che, come espresso anche in conferenza stampa, reputa la migliore in assoluto, e per la quale vorrebbe continuare a giocare per tutto il resto della sua vita calcistica.

Spero che la mia storia con il Real non finisca qui. Il mio contratto scade in estate, ma voglio restare qui tutta la vita fino a 50 anni. Sono molto felice di giocare nella migliore squadra del mondo”.