fbpx
Coppa Italia

A meno di una settimana dall’inizio del nuovo campionato di Serie A ed a poco più di tre dalla chiusura del mercato estivo, il calcio in Italia ha già iniziato a scaldare i motori sul rettangolo verde grazie alla Coppa Italia Frecciarossa. Tra il 5 e l’8 agosto, con 4 gare al giorno, si sono disputati i trentaduesimi di finale in cui anche alcune squadre di serie A hanno ricevuto sgradite sorprese dai verdetti che il campo ha offerto.

Ad aprire le danze in questa turnata estiva è stato il match Cagliari-Perugia (3-2), con i sardi che, dopo essere andati in vantaggio nei minuti iniziali, hanno subito la rimonta degli ospiti e rischiato il passaggio ai sedicesimi fino a 10 minuti dal termine della gara, quando poi gli isolani hanno ribaltato nuovamente il match, chiudendolo in vantaggio.

Alla Dacia Arena, la partita Udinese-Feralpisalò (2-1) non ha tradito le attese, vedendo i friulani primeggiare sugli avversari senza troppi problemi, accedendo al turno successivo con uno scarto minimo nel risultato.

Match incredibile ed emozionante a Via del Mare, dove Lecce-Cittadella (2-3 D.T.S.) ha necessitato dei tempi supplementari per giungere al verdetto che ha condannato la formazione pugliese, neopromossa in Serie A, in favore degli ospiti, guidati dalla doppietta dell’ex-Lazio Tounkara, proprio nell’extra time.

A chiusura della prima giornata delle 4 impiegate per questo turno, Sampdoria-Reggina (1-0), in cui i liguri, davanti al proprio pubblico, hanno archiviato la pratica imponendosi sugli avversari grazie ad un tiro dal dischetto insaccato da Sabiri.

Pisa-Brescia (1-4) ha dato il via al secondo quartetto di partite impegnate nei trentaduesimi della nuova Coppa Italia. I padroni di casa, passati inizialmente in vantaggio, hanno poi dovuto soccombere sotto i colpi dei lombardi, in grado di calare un convincente poker.

Partita senza storia in Liguria, dove Spezia-Como (5-1) ha manifestato la netta superiorità dei padroni di casa rispetto agli avversari, con la cinquina rifilata appunto dagli spezzini, che lascia poco spazio ad altre interpretazioni della gara.

Al Castellani Empoli-Spal (1-2 D.T.S.) un vero e proprio match al cardiopalma. Vantaggio dei padroni di casa all’80’, raggiunti 2 minuti più tardi ed infine battuti dagli avversari nei minuti di recupero del secondo tempo supplementare grazie ad una rete di Arena.

Torino-Palermo (3-0) è la gara che ha chiuso la seconda giornata, con i granata in grado di archiviare la pratica grazie alle tre reti messe a segno tutte nel secondo tempo, senza dare il minimo scampo agli avversari.

Il terzo giorno di gare si è aperto con Venezia-Ascoli (2-3), altro bellissimo ed emozionante incontro di questo turno, dove tra l’88’ ed il 91’ è successo davvero di tutto, prima il pareggio dei lagunari che erano sotto 0-2, poi, al primo minuto di recupero, l’Ascoli è passato nuovamente in vantaggio condannando definitivamente i veneti.

Al Bentegodi altra caduta da massima serie con Hellas Verona-Bari (1-4) che ha visto inizialmente i padroni di casa passare in vantaggio al quarto d’ora, per poi soccombere sotto il poker dei pugliesi, all’interno del quale è da segnalare peraltro la tripletta di Cheddira.

A Salerno sono gli ospiti a farla da padroni in Salernitana-Parma (0-2), con gli emiliani in grado di raggiungere e poi difendere, tutto nel secondo tempo, il doppio vantaggio che gli regala di fatto il passaggio del turno.

Monza-Frosinone (3-2) chiude la terza giornata di incontri, con i padroni di casa prima avanti con doppio vantaggio, poi raggiunti nella ripresa nel giro di tre minuti, ed infine vincenti con il 3-2 decisivo a sei minuti dal termine.

Gara combattuta al Ferraris di Genova, per inaugurare la quarta ed ultima giornata di incontri, con Genoa-Benevento (3-2) che ha visto i liguri passare il turno tenendo bene testa agli avversari, rischiando il giusto e raggiungendo l’obbiettivo desiderato.

Derby acceso ed inaspettato, almeno nel risultato, il Modena-Sassuolo (3-2) andato in scena all’Alberto Braglia, con i padroni di casa in grado di mettere realmente in ginocchio la formazione neroverde, nonostante fosse ovviamente favorita sulla carta. Anche qualche battibecco acceso, prima del chiarimento, tra Berardi ed alcuni tifosi, al termine del match.

Cremonese-Ternana (3-2) ha visto i padroni di casa preparare al meglio il proprio ritorno in Serie A, anticipandolo con un passaggio del turno in coppa, per l’appunto, avvenuto a seguito di una partita in cui gli avversari hanno avuto la possibilità di mettere in difficoltà i neopromossi, i quali l’hanno però spuntata anche dopo essere stati momentaneamente raggiunti nonostante il doppio vantaggio.

A chiusura dell’intero turno di Coppa Italia si è giocata al Dall’Ara Bologna-Cosenza (1-0), che oltre a vedere la vittoria dei felsinei per una lunghezza contro i calabresi, ha assistito al ritorno in panchina di Sinisa Mihajlovic, al quale tutti i tifosi hanno rivolto un calorosissimo saluto con un’ovazione da brividi.

A seguito dei risultati di questa quattro giorni, questi gli accoppiamenti in vista del prossimo turno di Coppa Italia che si giocherà nella seconda metà di ottobre:

Bologna – Cagliari (la vincente sfiderà la Lazio)

Cremonese – Modena (la vincente sfiderà il Napoli)

Genoa – Spal (la vincente sfiderà la Roma)

Parma – Bari (la vincente sfiderà l’Inter)

Sampdoria – Ascoli (la vincente sfiderà la Fiorentina)

Spezia – Brescia (la vincente sfiderà l’Atalanta)

Torino – Cittadella (la vincente sfiderà il Milan)

Udinese – Monza (la vincente sfiderà la Juventus)